News

Decreto CuraItalia, Confesercenti: “Provvedimento importante, ma c’è ancora molto da fare”.

Il decreto Cura Italia è una prima importante risposta all’emergenza economica causata dal Coronavirus.
Confesercenti avrebbe preferito un approccio più mirato, per avere misure più incisive: gli interventi a pioggia rischiano di essere onerosi e al tempo stesso inefficaci e poco equi, come evidente sul fronte del fisco: troppi mini-rinvii, bisogna dare più tempo alle imprese.

Anche gli indennizzi per le imprese del terziario sono di corto respiro: l’importo di 600 euro è chiaramente insufficiente, escludendo oltretutto agenti e rappresentanti di commercio e professionisti iscritti agli albi. Lo stesso problema si rileva sullo stop ai versamenti: il tetto di 2 milioni di ricavi taglia fuori realtà come i gestori carburanti, caratterizzate da un volume di vendite molto alto ma da margini molto stretti.

Pure il credito di imposta sugli affitti, così, è poco funzionale: bisogna aumentarne il valore ed estenderlo anche alle affittanze di azienda – tipiche di centri e gallerie commerciali, ma anche di tante attività di vicinato, nei centri storici e non solo – e al turismo, settore che ha visto azzerare i fatturati di tutti gli operatori.

Mancano poi misure specifiche per le attività che sono state obbligate a chiudere, dai negozi di moda al commercio su aree pubbliche. Nel provvedimento è rientrata dalla finestra anche la lotteria dello scontrino, che era stata giustamente rimandata nelle bozze del DL.

Apprezzabili, invece, gli interventi sul lavoro, anche se le disponibilità potrebbero essere insufficienti. Mentre sul credito alle imprese registriamo decisi passi avanti, dalle misure sul Fondo Centrale di Garanzia a quelle per la moratoria dei prestiti di PMI e microimprese.

“Il Governo ha messo in campo misure eccezionali con questo decreto e siamo orgogliosi di essere un esempio per gli altri stati europei, ma il mondo delle imprese ha bisogno di misure condivise con le associazioni, a livello nazionale, perché senza sostegni adeguati, rischiano di non riaprire più dopo lo stop. Gli importanti e giusti sforzi fatti verso i lavori dipendenti chiediamo che vengano fatti anche per i lavoratori autonomi”.- dichiarano Michela Mandrino e Manuela Ulandi, Confesercenti della provincia di Alessandria

Scarica l'allegato a commento dei punti salienti del decreto Cura Italia:
cura_italia_punti_principali.pdf

Elenco dei negozi che aderiscono al servizio di consegna a domicilio (aggiornato al 19/03/2020):
Confesercenti_Consegna_a_domicilio.pdf

Cerca

©2020 Confesercenti della Provincia di Alessandria. Tutti i diritti riservati. Web: ModusOperandi
Confesercenti Alessandria - Via Cardinal Massaia, 2/A 15121 Alessandria (AL) - Cod. Fiscale: 80003720069
Tel: +390131232623 - Email: alservi@confesercenti-al.it
Privacy Policy Cookie Policy

Cerca